Vino senza uva: che cos’è?

Di DariuszSankowski
Vino

All’estero, e ultimamente in alcuni casi (più cha altro di nicchia) anche all’interno del nostro paese, può capitare che taluni possano chiamare vino anche quello non prodotto direttamente dai succhi e mosti dell’uva come quelli delle mele e delle ciliegie, ma anche da lamponi e ribes.

Tuttavia il cosìdetto “vino senza uva” pare abbia delle origini in America, dove si è tentato di ottenere un vino senza l’impiego delle uve quindi cercando di costruirlo in maniera sintetica imitandone la composizione; in questa maniera sarebbe possibile produrre delle imitazioni dei vini più costosi o più limitati ma pare sempre che non si sia ancora giunti a un livello di imitazione tale da ingannare anche i palati poco esperti.

Come fare vino senza uva?

La metodologia con cui potrebbe essere prodotto il “vino senza uva” va a guardare la composizione chimica del vino e l’insieme degli aromi e dei sapori che lo compongono, cercando quindi di riottenere l’insieme delle qualità dello stesso senza effettuare però la trasformazione partendo dai mosti e dai prodotti dell’uva ma piuttosto ottenendole in maniera sintetica.

Vino senza uva Ue

Le riforme in campo alimentare generate a seguito dell’Ue non hanno mancato di scatenare varie polemiche, per fare un esempio banale si parte dai formaggi fatti col latte in polvere alla possibilità di vendere i “wine kit” sino alla commercializzazione del vino senza uva, ad esempio ottenuto con lamponi e ribes, piuttosto popolare nei paesi dell’est.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vino
Il pignoletto di Bologna: storia, origine del nome, gusto e periodo di raccolta del vino

Il Pignoletto è uno dei vini storicamente più tipici della provincia di Bologna, da vigneti omonimi stanziati nei colli della città dagli infiniti portici. La storia del pignoletto: dalle origini del nome a oggi Il pignoletto veniva considerato in passato come una varietà autoctona ma recenti analisi basate sul dna …

Vino
Lo schiava: caratteristiche e storia del vitigno, vini e abbinamenti consigliati

In tedesco è noto come “vernatsch”, ma in Italia si chiama “Schiava”: è il gruppo di vitigni a bacca nera, chiamati anche col nome di mergellana, matta, montorfana, botascera, che vengono coltivati principalmente nell’Alto Adige, così come nel Trentino e nella zona di Como, Brescia, Verona e Bergamo. In realtà …

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it