Vino contro le blatte: ma funziona davvero come antiblatta?

Da qualche tempo sento parlare di “vino contro le blatte”. Da quanto si capisce cercando di approfondire il “vino contro le blatte” sarebbe del semplicissimo vino da posizionare nei pressi delle zone più “amate” dagli scarafaggi (bleah) che malauguratamente avete in casa.

Ma perché posizionare del vino in una bacinella vicino alle tane delle blatte? Secondo molti perché si tratta di un rimedio naturale per combatterle: infatti le “bestie” sentendo l’odore del vino finiranno per approssimarsi attirate e inizieranno a berlo, sino a che, ubriache, cadranno dentro il catino facendo una fine “gloriosa”: annegheranno nel vino.

A giudizio di molti il “vino contro le blatte” è uno dei rimedi più naturali e veloci da usare contro le blatte. La mia opinione però, oltre che apertamente disgustata (il vino è una bevanda “sacrale” per me) dall’idea di offrire del prezioso liquido a degli insetti infestanti, è che comunque non possa costituire una soluzione adatta a dare un taglio netto al problema.

Insomma, è vero che magari con “il vino contro le blatte” probabilmente vi sarà qualche vittima ma non è assolutamente detto che risolva del tutto l’infestazione, anzi la cosa appare piuttosto improbabile. Per personale esperienza trovo il metodo migliore un prodotto apposito come il gel antiblatta, che peraltro costa poco online (con me in cucina ha funzionato in 2 settimane e risolto il problema delle blatte che avevo in casa, ho preso questo gel qui su Amazon).

Ad ogni modo sono piuttosto stupito dallo scoprire un nuovo uso del vino, e invito chi abbia provato a risolvere un infestazione usando questo metodo a condividere in un commento i risultati, dando un parere nuovo.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Vino
Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina …

Vino
Verdicchio: quali sono le origini e la storia di questo vino?

Le origini del Verdicchio, una verità di uve bianche tipiche delle marche, vedono la più antica attestazione all’interno di una traduzione del 1557, effettuata da Mambrino Roseo da Fabriano, riguardante il trattato di agricoltura dell’agronomo spagnolo Gabriel Alonso de Herrera, il “Libro di agricoltura utilissimo”; all’interno della traduzione infatti la …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it