Vino come bomboniera: si può usare?

La bomboniera è in teoria quell’oggetto che contiene dei confetti dolci, che si regala come buon augurio agli ospiti durante avvenimenti importanti come matimoni, a volte battesimi, cresime, o quant’altro.

Vorrei tuttavia esprimere il mio punto di vista in merito all’argomento bomboniera e confetti: mi hanno sempre fatto schifo le uniche volte in cui ho avuto il coraggio di assaggiarne uno. Proprio per questo considero la bomboniera tradizionale più un oggetto decorativo da tenere qualche tempo che qualcosa di associabile al cibo.

Il vino come bomboniera si può usare ed è molto più gradito

Recentemente però si sta diffondendo l’usanza di regalare una bottiglia di vino agli invitati come bomboniera piuttosto che il classico contenitore di confetti benaugurali. A questo proposito vorrei pronunciarmi a favore del vino, peraltro almeno si tratta di qualcosa di gradevole e di consumabile, oltre che di un oggetto che se reso gradevole alla vista può essere usato come decorazione sia durante la cerimonia che nella casa dei nostri ospiti.

Altra cosa interessante è che il vino come bomboniera può essere personalizzato ulteriormente, mettendo l’ettichetta che preferite, magari con la foto che ricorda l’evento. Esagerare con i fiocchi non dà una grande impressione, mentre curare il design della bottiglia e l’ettichettatura dà grande soddisfazione. Un’altra opzione è usare solo il vetro che in teoria dovrebbe contenere il vino come bomboniera e quindi come contenitore dei classici confetti, ma vi scongiuro non fatelo e regalate piuttosto una bottiglia di vino, è sempre un dono apprezzato ed ha comunque una valenza di “augurio” molto forte.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Vino
Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina …

Vino
Verdicchio: quali sono le origini e la storia di questo vino?

Le origini del Verdicchio, una verità di uve bianche tipiche delle marche, vedono la più antica attestazione all’interno di una traduzione del 1557, effettuata da Mambrino Roseo da Fabriano, riguardante il trattato di agricoltura dell’agronomo spagnolo Gabriel Alonso de Herrera, il “Libro di agricoltura utilissimo”; all’interno della traduzione infatti la …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it