La varietà di uva rossa vertzami (in greco scritto “βερτζαμί“) è una delle tipologie tipicamente greche, anche se pare che il vertzami venne introdotto storicamente dai veneziani, probabilmente quando conquistarono le isole Ionie, occupandole dal 1300 sino a circa il 1700.

Le uve delle vigne di vertzami sono dalla pelle spessa, spesso ricche di antociani.

Le uve del vertzami hanno una buona resistenza naturale alla peronospora, e crescono più facilmente lungo terreni calcarei e quote non elevate.

I suoi vini sono ritenuti dai più spesso acidi, ma dotati di un corpo non eccessivo.

Nei vini derivanti dal vertzami si riscontra solitamente un contenuto di alcol moderato; il vino prodotto dalle uve di vertzami è solitamente ricco di aromi, e si adatta bene all’invecchiamento; si accompagna bene alla carne.

A volte viene chiamato anche Lefkas, dal nome dell’isola greca fra le ionie di cui è tipico, chiamata Lefkada (o anche “Leucadia”).

Altri nomi usati per indicare questa varietà sono:

  • “Balsamina Nera” (un nome di probabile derivazione italiana),
  • “Barsami” (probabile derivazione dal nome italiano),
  • “Leukas” (derivazione greca)
  • “Logothetis” (derivazione greca)
  • “Martzabi” (derivazione greca)
  • “Martzami” (derivazione greca)
  • “Martzavi”(variazione della derivazione greca)
  • “Marzavi” (variazione della derivazione greca)
  • “Marzemina” (una flessione italiana del sinonimo greco),
  • “Mavrò” (nome del vino derivante probabilmente dalla lingua greca)

Torna al menù dei vini tipici greci >>


Approfondimenti consiglaiati sulla varietà di uve vertzami e sui vini vertzami: