Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Vino

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina e specialmente all’usanza di ricoprire in antichità la anfore con la resina di pino di Aleppo.

Torna al menù dei vini tipici greci >>

La particolarità del vino Retsina

La resina di pino di Aleppo infatti veniva posta per chiudere le anfore durante i viaggi per poter impedire così il contatto del vino con l’ossigeno, ottenendo una migliore conservazione e conferendo al vino l’aroma della resina. Il sapore viene descritto come leggermente e gradevolmente amaro.

Dove si produce il vino Retsina?

Il vino retsina viene prodotto in tutta la Grecia, ma i maggiori centri di produzione di questo vino sono quelli della Beozia, dell’Attica e di Eubea. Anche Cipro, nella zona meridionale, produce del Retsina come denominazione di origine protetta.

Qual’è il sapore del retsina?

Il retsina ha un sapore leggermente amaro, con delle tonalità di pino facilmente percepibili. Si tratta di un vino da consumare freddo (a 12° gradi centigradi).

Abbinamento del vino Retsina

Il Retsina viene solitamente abbinato a piatti tipici greci, come la classica insalata greca (con feta) e la moussaka, ma spesso anche con i piatti a base di pesce.

Retsina: prezzo del vino

Solitamente i prezzi del retsina variano a seconda della tipologia scelta e delle modalità di consegna. Alcuni prezzi e varietà di vino retsina acquistabili online sono selezionate nell’elenco sottostante.

Il processo di vinificazione del Retsina

Il retsina è prodotto con le uve del Savatiano, solitamente con Assyrtiko o Rhoditis, spesso anche miscelati, ma vengono usate frequentemente anche altre varietà greche, come nel caso dell’isola di Rodi, dove viene usato l’Athiri. Il Restsina viene oggi prodotto aggiungendo picoli pezzi della resina di pino di Aleppo nel mosto durante il periodo della fermentazione; dopo un certo lasso di tempo i pezzi di resina vengono mescolati, sino al formarsi di una sottile pellicola di olio resinoso nella sua superficie, che viene poi rimossa durante la chiarificazione. La pellicola di resina aiuta a conservare il vino e proteggerlo dall’ossidazione, sebbene ne venga usata oggi meno rispetto alla tradizione.

Le leggende sul Retsina

Alcune leggende sull’origine del Retsina risalgono alla conquista romana della Grecia, e dicono che gli abitanti della Grecia, irati per il saccheggio di vini effettuato dai romani, avessero posto la resina di pino sopra le anforme per creare un deterrente verso i conquistatori e per aumentare la durata del deposito del vino; secondo la leggenda i romani erano schifati dal sapore della resina di pino, ritenuto troppo amaro. Un altra leggenda interessante riguardange il retsina, sebbene non sia sulle origini del vino, dice che il re Eric I di Danimarca e Sigurd I di Norvegia trovarono la morte per aver bevuto troppo retsina non diluito.

La storia del vino Retsina

La vera storia del retsina probabilmente inizia molto in là nel tempo, si tratta di un vino che veniva già realizzato nell’antica Grecia; il retsina venne citato per la prima volta dallo scrittore romano di agricoltura Lucio Giunio Moderato Columella, che all’interno del “De Re Rustica” accenna alle tipologie di resina utilizzate per sigillare le anfore di vino; tuttavia (e qui in effetti si dà credito alla leggenda secondo cui ai romani non piacesse questo vino) Columella consiglia di non mischiare la resina di pino ai vini migliori perché a suo parere il sapore sarebbe mutato in maniera sgradevole.

Anche Plinio il Vecchio parla, nel suo Naturalis Historia, dell’usanza di mettere della resina nel mosto di vino in fermentazione, suggerendo di usare la resina di pino delle zone di montagna, ritenuta di alta qualità rispetto a quella delle terre più basse.

Più avanti nel tempo, tramite i celti, nell’impero romano si andò sviluppando l’usanza delle botti eche andò a sostituire l’usanza della resina; tuttavia nell’impero romano d’oriente rimase la tradizione della resina di pino, probabilmente per l’abitudine e la preferenza per il sapore amaro.

La gradazione del Retsina

Solitamente il vino retsina non ha una elevata gradazione alcolica e generalmente questa si attesta all’11% -12% del volume del vino; ovviamente la gradazione del retsina pari a 11 gradi è quella più diffusa e comune ma è ovvio che a seconda della produzione si possano avere differenti gradi alcolici per il vino retsina.

Le calorie del Retsina

Solitamente le calorie per una bottiglia di retsina si aggirano attorno alle 55-100 kcal per ogni 100 ml di vino.

Cos’è il Retsina Malamatina?

Il retsina Malamatina è una produzione fra le più famose al mondo di questo vino e risalirebbe a prima del 1900. I vini retsina Malamatina sono appositamente studiati per cercare di tenere fede ai giusti aromi ed equilibri qualitativi del retsina, costituendo così uno degli “originali” greci più esportati e conosciuti in tutto il mondo.

Cos’è il Retsina di Attica?

Un’altra marca famosa di vino retsina è il noto “Retsina di Attica – Kourtaki”, piuttosto diffuso, specialmente nei ristoranti tradizionali greci come produzione di qualità.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vino
Il pignoletto di Bologna: storia, origine del nome, gusto e periodo di raccolta del vino

Il Pignoletto è uno dei vini storicamente più tipici della provincia di Bologna, da vigneti omonimi stanziati nei colli della città dagli infiniti portici. La storia del pignoletto: dalle origini del nome a oggi Il pignoletto veniva considerato in passato come una varietà autoctona ma recenti analisi basate sul dna …

Vino
Lo schiava: caratteristiche e storia del vitigno, vini e abbinamenti consigliati

In tedesco è noto come “vernatsch”, ma in Italia si chiama “Schiava”: è il gruppo di vitigni a bacca nera, chiamati anche col nome di mergellana, matta, montorfana, botascera, che vengono coltivati principalmente nell’Alto Adige, così come nel Trentino e nella zona di Como, Brescia, Verona e Bergamo. In realtà …

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it