Quali sono i criteri di abbinamento cibo-vino?

Vino

Un perfetto abbinamento tra cibo e vino fa si che nessuno delle due componenti sovrasti l’altra, come a dire che cibo e vino debbano completarsi armoniosamente. I criteri che portano attenzione nel “costruire” il perfetto abbinamento sono in sostanza cinque ed oggi abbiamo chiesto a Vini Perbacco (e-commerce di vini online)  di raccontarci i loro preferiti!

 

  1. L’abbinamento per struttura

La struttura di un piatto è l’insieme degli ingredienti e dei passaggi di cottura e tecnica che il piatto stesso arriva ad avere. Un carpaccio di manzo, una caprese o una carne cruda al coltello non è sicuramente complicato, mentre un brasato o la lepre in salmì richiedono preparazioni lunghe e molto articolate. Al crescere della struttura del piatto occorre corrispondere uguale struttura del vino, cioè quella peculiarità che gli eno appassionati chiamano in gergo “corpo”.

  1. L’abbinamento stagionale

D’estate viste le temperature si è di norma propensi a mangiare cibi e piatti leggeri, mentre d’inverno più articolati e complicati con preparazioni lunghe. Così accade per la scelta dei vini, d’estate si prediligono vini bianchi e rosati, serviti freddi di facile beva e d’inverno si ricerca la struttura e la potenza olfattiva. Ciò però non preclude il fatto che d’estate non si possano bere vini rossi “leggeri” come un Lambrusco Salamino o un Chianti giovane… Oppure che d’inverno si possa ricercare un bianco strutturato ed invecchiato in cui risieda mineralità spiccata e note idrocarburiche terziarie.

  1. L’abbinamento regionale

Chi ama muoversi e girovagare per turismo enogastronomico avrà appurato come sia felice l’abbinamento “regionale” fra piatti e vini di un determinato territorio. Indubbiamente abbiamo ragioni storiche e culturali che rendono idilliache questi accostamenti. Perché azzardare matrimoni inconsueti quando la tradizione ha delineato con successo il connubio enogastronomico? Lo zampone pretende un Lambrusco, i Pizzocheri un vino Valtellinese, le trenette al pesto un bianco Ligure e così via…

  1. L’abbinamento per similitudine

E’ Quello che vuole sfruttare al meglio alcune caratteristiche del piatto e del vino. Viene preso in esame quando si è alla ricerca della bottiglia giusta nel caso di piatti aromatici o speziati. Un vino di forti sensazioni olfattive e che sia speziato si accompagnerà molto bene ad un piatto con caratteristiche analoghe.

  1. L’abbinamento per contrasto

Come si fa a scegliere il vino ideale quando ci si trova di fronte ad un piatto ricco di acidità o con ampia grassezza? Sbagliare la scelta del vino è molto frequente, a volte si pensa che di fronte ad un piatto acidulo si debba corrispondere un vino altrettanto acidulo, invece no, è totalmente all’opposto…Occorre applicare il criterio dell’abbinamento per contrasto, secondo cui si raggiunge l’armonia fra cibo e vino con bottiglie capaci di attenuare le caratteristiche del piatto.

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Vino
Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina …

Vino
Verdicchio: quali sono le origini e la storia di questo vino?

Le origini del Verdicchio, una verità di uve bianche tipiche delle marche, vedono la più antica attestazione all’interno di una traduzione del 1557, effettuata da Mambrino Roseo da Fabriano, riguardante il trattato di agricoltura dell’agronomo spagnolo Gabriel Alonso de Herrera, il “Libro di agricoltura utilissimo”; all’interno della traduzione infatti la …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it