Perché il vino si chiama “Ripasso”? Origini del nome

Di DariuszSankowski
Vino

Se vuoi sapere “Perché il vino si chiama ripasso” allora devi conoscere probabilmente il vino Doc “Valpolicella Ripasso” ed esserti probabilmente incuriosito. Bene, premesso per chi non lo sapesse che si tratta di un vino rosso tipico del veneto, che viene prodotto a Valpolicella (in provincia di Verona) principalmente da vitigni del luogo come il Corvina e il Corvinone, passiamo allo spiegare perché il vino prende nome di “Ripasso”.

Perché il vino si chiama “ripasso”? Probabilmente per la speciale tecnica di produzione

Dunque, il motivo del suo nome probabilmente è legato al particolare metodo di produzione del Valpolicella: questo vino infatti si produce versando, anteriormente all’affinamento nella botte, la base del vino Valpolicella in maniera diretta all’interno dei tini, tini dai quali è stato pigato in precedenza l’amarone. Una volta versato si lascia riposare a diretto contatto con l’insieme delle vinacce (quindi della buccia dell’uva) per un intervallo di tempo di 15-20 giorni. E quindi perché il vino si chiama ripasso? Probabilmente perché tramite questo “ripasso” nelle vinacce appassite è possibile ricevere una buona parte dell’aroma che è tipico dell’amarone. La tecnica oltretutto, oltre che al vino, si chiama appunto “ripasso”. Una piccola nota: a volte viene fatto il ripasso anche usando le vinacce pigate del Recitolo.

Qualche nota sul vino ripasso: mediante questo processo di lavorazione si ottiene un vino dal colore rosso rubino forte, dall’odore strutturato e con un gusto che ricorda quello delle bacche rosse, dei frutti di bosco o anche in maniera vaga del tabacco (con toni di vaniglia).

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vino
Il pignoletto di Bologna: storia, origine del nome, gusto e periodo di raccolta del vino

Il Pignoletto è uno dei vini storicamente più tipici della provincia di Bologna, da vigneti omonimi stanziati nei colli della città dagli infiniti portici. La storia del pignoletto: dalle origini del nome a oggi Il pignoletto veniva considerato in passato come una varietà autoctona ma recenti analisi basate sul dna …

Vino
Lo schiava: caratteristiche e storia del vitigno, vini e abbinamenti consigliati

In tedesco è noto come “vernatsch”, ma in Italia si chiama “Schiava”: è il gruppo di vitigni a bacca nera, chiamati anche col nome di mergellana, matta, montorfana, botascera, che vengono coltivati principalmente nell’Alto Adige, così come nel Trentino e nella zona di Como, Brescia, Verona e Bergamo. In realtà …

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it