Perché il vino cambia sapore? Elenco dei motivi principali

I motivi per cui il vino cambia sapore sono innumerevoli: abbiamo ad esempio la causa nei vini ossidati, oppure nella sbagliata gestione della temperatura, oppure a seguito di particolari tecniche come nel caso del passito (e in questo caso volute quindi), il problema del sentore di tappo, l’eccesso nella conservazione nel tempo del vino o la prematura messa in bottiglia, possibili infezioni nel vino da parte di muffe o batteri.

Il caso del cambio di sapore del vino per ossidazione

Si capisce che un vino bianco è ossidato quando ha perso completamente la sua brillantezza, il sapore cambia in un sapore dolciastro, madrizzato, dal tono più liquoroso, spesso accompagnato da un’assenza di acidità; il vino bianco dovrebbe essere fresco. Le cause di infezione possono essere molteplici, ma ovviamente sono da ricondurre a mancanze nel corso della lavorazione, come ad esempio un errore nel disinfettare le bottiglie.

Altre cause del cambio di sapore del vino

Attenzione alla fioretta, un infezione che colpisce quei vini che presentano poco tono alcolico, causato dalla Candida Mycoderma. Quando si utilizza un tappo di sughero per la bottiglia infetto da Armillaria mellea, un fungo che rende il vino imbevibile, il vino in breve tempo è imbevibile. Si può avere infine il secchino quando si ha una sbagliata conservazione in botti, il “metallico” quando nel vino è presente troppo ferro, rame o zinco; altro difetto che intacca il sapore è la “feccia”, che si ha quando si commettono degli errori nel travaso. Quando si pone nel vino un eccesso di SO2 (anidride solforosa) il sapore cambia e il vino assume un sapore amaro e pungente. Infine alterazioni rilevanti che possono intaccare il sapore del vino sono la “casse rameosa”, la “casse proteica”, la “casse ferrica”, la casse fosfatica”, la “casse ossidasica”. Ultima nota: in cantina possiamo avere evaporazione (causata dal troppo calore), “contrazione” (causata dal troppo freddo), “assorbimento” (causato dalle pareti delle botti).

Conclusioni: perché il sapore del vino cambia?

Come potete vedere le cause sono molteplici, è importante seguire i procedimenti con estrema attenzione e accuratezza, sia per quanto riguarda la produzione che le fasi successive come imbottigliamento e stoccaggio del prodotto (e spedizione nel caso in cui consegnate il vino tramite corriere per farlo acquistare online).

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Vino
Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina …

Vino
Verdicchio: quali sono le origini e la storia di questo vino?

Le origini del Verdicchio, una verità di uve bianche tipiche delle marche, vedono la più antica attestazione all’interno di una traduzione del 1557, effettuata da Mambrino Roseo da Fabriano, riguardante il trattato di agricoltura dell’agronomo spagnolo Gabriel Alonso de Herrera, il “Libro di agricoltura utilissimo”; all’interno della traduzione infatti la …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it