Perché il vino bianco cambia colore? Ecco i motivi!

Vino
4

Per rispondere alla domanda “Perché il vino bianco cambia colore?” dobbiamo anzitutto pensare a quale sia davvero il colore del vino bianco: in realtà infatti si tratta di una serie di sfumature del giallo, che possono variare a seconda di numerosi fattori. Quando il vino bianco ad esempio presenta un colore giallo chiaro con riflessi di verde leggeri l’uva è stata raccolta in anticipo mentre quando il colore del vino bianco tende sul giallo-ambrato allora è probabile che le uve con cui è stato fatto siano appassite.

Quali sono i fattori che spiegano perché il vino bianco cambia colore?

Uno dei fattori lo abbiamo già visto, riguarda il momento in cui viene tagliata l’uva con cui verrà poi fatto il vino bianco in esame; altri fattori sono il tempo di conservazione e in particolare l’ossidazione a cui un vino è sottoposto.
Attenzione infatti al contatto del vino con l’aria, che alla lunga può trasformarlo in aceto.

Il vino bianco cambia colore per l’ossidazione

Quando il vino bianco cambia colore e diventa più rosso è possibile che sia dovuto all’ossidazione (in maniera prevalente, visto che comunque con l’evolversi del tempo si presentano altre trasformazioni all’interno del vino), in particolare i vini fatti in casa e non dotati di anidride solforosa (attenzione, usare la quantità giusta) possono cambiare colore in pochi giorni. Cerca inoltre di non esporre il vino alla luce.

A contatto con l’aria abbiamo quindi la “maderizzazione” del vino, ovvero in poche parole l’ossidazione del vino bianco, che determina un colorito tendente verso l’ambra.

Importante poi al fine del cambio di colore del vino bianco (e anche di sapore), è “l’ossidasica”, dovuta all’impiego di uve non sane per fare il vino; alcuni suggeriscono l’impiego di zolfo (e quindi solfiti) per risolvere il problema.

Curiosità sul colore del vino

Curiosità: vuoi comprendere i meccanismi per cui il vino presenta un colore piuttosto che un altro? Il tutto è dovuto alla capacità della buccia di possedere antociani (per il vino rosso) o flavoni (per il vino bianco); il colore poi dipenderà dal tempo che il succo passerà a contatto con le bucce; a questo punto potremo avere vino bianco (contatto minimo) anche con uve rosse, vino rosato (medio) e vino rosso (prolungato).

Salve, ho lasciato l’uva deraspata nella botte da 6 ql x 2 giorni con l’ aggiunta di 60 grammi di metabisolfite. Ho svinato ed dopo 6 giorni ho travasato aggiungendo 30 gr. di metabisolfite. Ho fatto altri 2 travasi a distanza di 7 gg. Colore ok. .Dopo 2 mesi il colore diventa più giallo, ma non ossidato, in quanto lasciando mezzo bicchiere all’ aria per 24 ore il colore resta uguale. Sul mosto ho fatto le analisi e totto è ok L’ uva è 80% vermentino, gradazione 13,2. Grazie per consigli. Luciano

Grazie Luciano. Controllare sempre è importante quando si parla di vino, hai fatto bene a fare delle verifiche.

Ho fatto circa 30 LT di vino bianco con uva che non necessita di trattamento bordolese (qui chiamata “uva francese”), vino leggero ma buon sapore. Si ossida rapidamente quando apro la bottiglia. Cosa posso fare per evitare questo effetto? Ormai imbottigliato, dovrei farlo di volta in volta. È possibile? Grazie per una vostra risposta.

Purtroppo i bianchi tendono a ossidarsi facilmente e in maniera rapida; spesso già dopo 2/3 giorni in frigo (ovviamente è necessario sicuramente conservare il vino una volta aperta la bottiglia in frigo per rallentare il processo di ossidazione) le caratteristiche del vino sono ormai alterate. Un metodo molto usato e utile per rallentare l’ossidazione del vino è quello di eliminare per quanto possibile l’aria all’interno della bottiglia, usando prodotti semplici ed economici come questi tipi di tappo salvavino, riuscendo così a migliorare di uno/due giorni in più la durata “intatta” del vino in bottiglia ormai aperto.

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Vino
Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina …

Vino
Verdicchio: quali sono le origini e la storia di questo vino?

Le origini del Verdicchio, una verità di uve bianche tipiche delle marche, vedono la più antica attestazione all’interno di una traduzione del 1557, effettuata da Mambrino Roseo da Fabriano, riguardante il trattato di agricoltura dell’agronomo spagnolo Gabriel Alonso de Herrera, il “Libro di agricoltura utilissimo”; all’interno della traduzione infatti la …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it