Con quali altri nomi viene chiamata l’uva nebbiolo?

Vino

Il nebbiolo, come saprete è un vitigno originario del Piemonte, le cui prime attestazioni scritte del nome giunte sino a noi risalirebbero alla fine del 1200, costituito da pregiate uve a bacca nera, ottimo da abbinare con le carni bianche, con il manzo, il maiale e il brasato. Il nebbiolo si presta all’invechiamento mantenendo (o persino migliorando) le proprie qualità. La zona di coltivazione è oltre al Piemonte, la Sardegna, la Lombardia, l’Umbria, l’Abruzzo e la Basilicata.

Con quali altri nomi viene chiamata l’uva del nebbiolo?

In valle d’Aosta il nebbiolo viene chiamato col nome di “Picoutener”, ma esistono anche altri nomi per indicare il nebbiolo, come quello usato in Valtellina, ovvero “Chiavennasca”. Un altro nome usato in alcune zone del Piemonte è quello di “Spanna” (Vercelli e Novara).

L’uva del nebbiolo viene anche chiamata “nebiolo” (uguale al nome originale con l’eliminazione di una b), Prunenta (nei dintorni di Domodossola), Brunenta, Marchesana, Martesana, Melasca (nome usato nella zona di Biella, ormai tuttavia caduto nel disuso).

Origine del nome dell’uva “Nebbiolo”

Il nome del nebbiolo deriva dal colore scuro delle uve del vigneto, particolare e unico dovuto alla quantità di purina effettivamente presente negli acini. Altre ipotesi parlano di un ipotetico collegamento con la tarda maturazione di questa varietà di uve, difatti coincidente con le prime “nebbie” dell’autunno (seconda-terza decade di ottobre). Molto tempo addietro si fece anche balenare l’ipotesi per cui il nome di “Nebbiolo” derivasse da una storpiatura di “nobile”, in linea con le caratteristiche di questo vigneto (uno dei sinonimi con cui è chiamato il nebbiolo è infatti “nebiolo”).


Approfondimenti e bibliografia consigliata:


Acquistare nebbiolo online: prezzi e offerte:

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vino
Differenza tra vino spumante e prosecco: ecco la spiegazione nei dettagli

Lo avrete bevuto sicuramente innumerevoli volte ma siete in dubbio sulla differenza tra vino spumante e prosecco? Ecco una guida per schiarire le idee in proposito. Il vino prosecco e il vino spumante: esiste una differenza? Il prosecco è un vino bianco di tipo DOC prodotto nelle zone di Veneto …

Di DariuszSankowski
Vino
Qual’è la differenza tra nebbiolo e barolo?

Chiedersi la differenza tra nebbiolo e barolo è scontato una volta che si viene a conoscenza del fatto che entrambi i vini abbiano origine dalla stessa varietà di uve, quella appunto del nebbiolo. Eppure si tratta in realtà di vini piuttosto differenti, sebbene uguali all’origine (entrabi sono vini derivanti dalla …

Vino
Elenco e storia dei vini aromatizzati dell’antichità, del medioevo e di oggi

Si usa indicare col nome di vini aromatizzati quei vini che contengono al loro interno delle sostanze di particolare sapore aromatico, come spezie o sciroppi, ovviamente autorizzate. Questi vini devono avere una tasso di gradazione alcolica compreso fra il 16% e il 21%. I vini aromatizzati antichi dei greci e …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it