Come mai le bottiglie di vino sono da 75 cl?

Vino

Vi siete mai chiesti se ci sia un motivo preciso riguardo al perché le bottiglie di vino siano da 0,75 cl e non un altra misura? Ormai le bottiglie di vino da 0,75 cl sono divenute una misura standard mondiale e solo alcune regioni possono usare un formato differente, dietro permesso speciale.

In passato, sino al sopraggiungere del XIX secolo per trasportare il vino erano utilizzate le anfore di coccio o le botti di legno; in alcuni casi già nel 1700 venivano usate le bottiglie di vino da 0,75 cl, ma solo a partire dal XIX secolo si iniziarono a usare i contenitori di vetro definitivamente.

In passato a seconda della nazionalità del vino si aveva un diverso formato: 0,70-0,80 per gli europei e 0,90 per gli inglesi; gli americani invece avevano un formato di 0,75 cl.

I motivi logici per cui si usa una bottiglia da 0,75 litri e non una bottiglia diversa potrebbero essere che in passato fosse possibile per i vetrai soffiare e creare in un unico colpo la bottiglia, per il vetraio.

Un altro motivo è probabilmente che 0,75 cl è la quantità “giusta” che è possibile consumare per un uomo a pasto. Ma non si tratta in effetti degli unici motivi: usare bottiglie di quantità ridotta permette di di evitare la rovina del vino nelle bottiglie troppo grandi lasciate aperte, infatti esporre per molto tempo il vino all’aria aperta può far perdere aromi al vino e alterarne il contenuto; esistono infatti bottiglie pensate apposta per questo da meno di 0,75 cl.

Una piccola curiosità: la bottiglia da 0,75 cl contiene esattamente 6 bicchieri “tipici” di vino da osteria, che possono contenere sino a 125 ml.

Una bottiglia di vino da 0,75 litri era anche la misura dei galloni imperiali degli inglesi molto utilizzata: il gallone era da 4,5 litri, quindi se ogni cassa di vino aveva 2 galloni di contenuto, avrebbe avuto 12 bottiglie pari ciascuna a 0,75 litri. Per approfondimenti sulle misure attiali delle bottiglie da vino in Europa puoi guardare la normattiva europea del 1975 che permette le misure di 0,25 cl, 37,5 cl, 50 cl, 75 cl.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Varie
Cosa significa “DOC” nei vini? La denominazione di origine controllata

Quando si cercano i vini tipici di una regione italiana è facile ritrovarsi davanti alla scritta “DOC“; ma che cosa significa questa sigla? Doc è un acronimo che sta a indicare “denominazione di origine controllata“, quindi un appellativo che viene usato in enologia per certificare un’area di origine e specifica …

Vino
Retsina: tutti i dettagli su questo vino tipico della Grecia

Il Retsina è uno dei vini tipici greci più noti; scritto in greco “Ρετσίνα”, appartiene alla schiera dei vini rosé o dei vini bianchi resinati; il Retsina (vedi foto qui) pare che abbia una storia piuttosto antica, di circa 2000 anni, e che abbia forti origini legate all’ambiente della marina …

Vino
Verdicchio: quali sono le origini e la storia di questo vino?

Le origini del Verdicchio, una verità di uve bianche tipiche delle marche, vedono la più antica attestazione all’interno di una traduzione del 1557, effettuata da Mambrino Roseo da Fabriano, riguardante il trattato di agricoltura dell’agronomo spagnolo Gabriel Alonso de Herrera, il “Libro di agricoltura utilissimo”; all’interno della traduzione infatti la …

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it