Le viti della varietà Athiri rappresentano una delle varietà di uve bianche tipiche della Grecia, e in particolare delle isole Egee, da cui la varietà trae origine.

Che vini vengono prodotti con l’Athiri?

Dalle uve dell’Athiri vengono realizzati numerosi vini a denominazione di origine protetta (Dop) come il Piste di Santorini, ma anche il vino Lassithiou. In questa foto su Wikipedia puoi vedere un vino prodotto con le uve dell’Athiri, dai riflessi aurei e dal carattere vivace.

In alcune produzioni greche vengono utilizzate le uve di Athiri per la creazione di un particolare tipo di vino retsina, ritenuto di pregio.

Tradizionalmente le uve di athiri vengono impiegate, assieme a quelle dell’assyrtiko e dell’aidini, per la produzione di vinsanto, del vino Santorini, e del Nykteri.

Dove si coltiva l’Athiri?

Questa varietà di uve si coltiva, oltre che nelle isole Egee, anche nelle Cicladi, a Creta, nel Dodecaneso, e lungo le zone della Beozia, di Salonicco, della Laconia e della Calcidica. Si può trovare anche ad Evia.

Caratteristiche particolari delle vigne di Athiri

Per quanto riguarda la pianta possiamo dire che questa ha una buona produttività e una certa resistenza contro alcune malattie, come la pernospora, ma comunque una certa debolezza nei confronti delle muffe.

Torna al menù dei vini tipici greci >>